Spiegata la relazione di Ray McNeil con Marianne Myers di Killer Sally

0
15

Puoi sempre contare su Netflix per fornire avvincenti e avvincenti documentari sul vero crimine e il 2022 ha probabilmente visto alcuni dei migliori nella storia della piattaforma. Tra i recenti contenuti originali di saggistica, Killer Sally si distingue per gli abbonati come una serie limitata da non perdere che si tuffa in una storia avvincente. Qui, esaminiamo la relazione di Ray McNeil con Marianne.

Pubblicato in tre episodi mercoledì 2 novembre 2022, il focus è sulla titolare Sally McNeil, un’ex bodybuilder che ha sposato Ray McNeil, anche lui ex bodybuilder.

La coppia si è incontrata mentre prestava servizio come ufficiali del Corpo dei Marines nel 1987 e volarono scintille. Tuttavia, Cosmopolitan riferisce che McNeil ha affermato che il suo secondo marito era violento nei suoi confronti e anche nei confronti dei suoi due figli dal suo precedente matrimonio.

Il Sun riporta che McNeil gli sparò e lo uccise il giorno di San Valentino nel 1995 e lei fu condannata per omicidio di secondo grado e condannata a 19 anni all’ergastolo.

Guardando il documentario scoprirai ulteriori dettagli sulla loro relazione che potrebbero costringerti a chiedere chi fosse Marianne Myers per Ray McNeil.

Killer Sally © Netflix

La relazione di Ray McNeil con Marianne Myers

Il documentario include e The Sun riporta che una donna di nome Marianne Myers era l’amante e la partner di McNeil mentre era sposato con Sally McNeil.

L’ex fidanzata di Ray McNeil appare nel documentario attraverso filmati d’archivio per darle un resoconto degli eventi che hanno portato alla morte dell’uomo e si suggerisce che McNeil non fosse innamorato di sua moglie e avesse commesso infedeltà, tradendola in più di un’occasione in tutto il matrimonio di otto anni.

Leggi anche |  'Myron Bolitar' Harlan Coben Netflix Series: quello che sappiamo finora

Lui e Myers si incontrarono per caso in una palestra locale circa tre anni prima che venisse ucciso, riporta The Cinemaholic, e presto iniziarono a frequentarsi e stabilirono una relazione romantica che divenne considerata seria.

“Avevamo davvero quel tipo di vero amore, sai”, ha detto Myers ai funzionari sulla scia dell’omicidio di McNeil nel febbraio 1995. “È il tipo di cose in poesia o di cui fanno film”.

Sally McNeil sapeva di Marianne?

Sì, McNeil ha appreso della relazione di suo marito guardando le bollette del telefono e Myers dice che la moglie l’ha chiamata e minacciato di violenza se si fosse avvicinata di nuovo a suo marito: “Ti prenderò a calci in culo se mai ti fai vedere da queste parti di nuovo”, avrebbe avvertito.

Nonostante ciò, il documentario rivela che McNeil e Myers hanno continuato la loro relazione e hanno effettivamente trascorso del tempo insieme in quel fatidico San Valentino. Nel documentario viene suggerito che McNeil considerasse già finito il suo matrimonio.

Dopo che McNeil è stata uccisa, Myers ha collaborato con la polizia e ha fornito tutte le informazioni in suo possesso che potrebbero essersi rivelate utili per il caso. Quando ha discusso di McNeil e di come ha parlato con suo marito, Myers ha affermato che “avrebbe tirato su tutte le vecchie cose negative tra loro e gliele avrebbe semplicemente scagliate contro…”

Sally assassina | Rimorchio ufficiale | Netflix

BridTV

11489

Sally assassina | Rimorchio ufficiale | Netflix

https://i.ytimg.com/vi/nOMiQll5pQ0/hqdefault.jpg

1174335

1174335

centro

13872

‘Devi chiederti’

Nanette Burstein – direttrice del documentario di Killer Sally – ha recentemente discusso del caso, riporta The Guardian.

“Guardi un caso come questo e devi chiederti dell’innocenza o della colpevolezza di qualcuno, proprio come la giuria ha dovuto chiedersi questo. Quindi è importante presentare la forte argomentazione che l’accusa stava facendo, ma parte di essa stava anche sottolineando quanto fosse insensata parte dell’argomentazione, che non avrebbe potuto essere una vittima perché era troppo forte. Il che è assurdo”.

Leggi anche |  La quinta stagione di Virgin River non arriverà su Netflix nel 2022

Ha aggiunto che “il trauma che lei e i suoi figli hanno avuto e il modo in cui reagisci in quelle situazioni non sono stati discussi in modo sensibile [in the trial]”, sostenendo che è stato “decisamente minato dall’accusa”.

Killer Sally è in streaming esclusivamente su Netflix.

Mostra tutto

In altre notizie, chi sono i figli di Sally McNeil John e Shantina nel documentario di Killer Sally?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui