Quali episodi del mercoledì sono diretti da Tim Burton su Netflix?

0
3

Quali episodi della nuova serie TV del mercoledì di Netflix sono diretti dal regista veterano e amato dai fan Tim Burton?

Mercoledì Addams è senza dubbio uno dei personaggi gotici immaginari più popolari e riconoscibili di tutti i tempi. Combinala con uno dei registi gotici più famosi di tutti i tempi in Tim Burton e avrai una ricetta vincente, ma dolorosa per il successo.

Questo è esattamente ciò che Netflix ha fatto, con la nuovissima serie di mercoledì resa disponibile per lo streaming in tutto il mondo dal 23 novembre. Episodi?

Mercoledì Addams | Rimorchio ufficiale | Netflix

BridTV

11605

Mercoledì Addams | Rimorchio ufficiale | Netflix

https://i.ytimg.com/vi/Q73UhUTs6y0/hqdefault.jpg

1191243

1191243

centro

13872

Quali episodi di Wednesday sono diretti da Tim Burton?

Nella serie TV del mercoledì recentemente rilasciata da Netflix, Tim Burton dirige i primi quattro episodi della prima stagione.

Questi episodi sono intitolati “Wednesday’s Child Is Full of Woe”, “Woe Is the Loneliest Number”, “Friend or Woe” e “Woe What a Night”.

L’episodio 5 “You Reap What You Woe” e l’episodio 6 “Quid Pro Woe” sono poi diretti da Gandja Monteiro.

James Marshall dirige l’episodio 7 “If You Don’t Woe By Now” e l’episodio 8 “A Murder of Woes”.

Burton è probabilmente meglio conosciuto per aver prodotto artisti del calibro di Beetlejuice (1988), Batman (1989), Edward mani di forbice (1990), Batman Returns (1992), The Nightmare Before Christmas (1993), Sleepy Hollow (1999), Planet of the Apes (2001), La sposa cadavere (2005), Sweeny Todd: Il diabolico barbiere di Fleet Street (2007) e Alice nel paese delle meraviglie (2010).

Burton spiega il fascino di Wednesday Addams

Parlando con Empire, Tim Burton spiegherebbe come il suo interesse per la produzione della serie Netflix del mercoledì è davvero decollato una volta che ha avuto la possibilità di leggere la sceneggiatura iniziale.

Leggi anche |  Il pavimento è Lava, Derry Girls e altro ancora

“Quando ho letto questo [script], mi ha solo parlato di come mi sentivo a scuola e di come ti senti nei confronti dei tuoi genitori, di come ti senti come persona. Ha dato alla famiglia Addams un diverso tipo di realtà. È stata una combinazione interessante”. – Tim Burton, tramite Empire.

Il regista veterano spiegherebbe quindi come il suo interesse per il personaggio di Wednesday Addams derivi da anni di esperienze, molte delle quali potrebbero essere state ispirate da trame simili.

“Nel 1976 andai a un ballo di fine anno del liceo. Era l’anno [that] Carrie è uscita. Mi sono sentito come un maschio Carrie a quel ballo di fine anno. Ho sentito quella sensazione di dover essere lì ma non farne parte. Non ti lasciano, quei sentimenti, tanto quanto vuoi che se ne vadano. – Tim Burton, tramite Empire.

Burton aggiungeva quindi come: “Sai, mercoledì e io abbiamo la stessa visione del mondo”.

I creatori ammettono di essersi aspettati un rifiuto da parte di Burton

Il nome “Tim Burton” associato a qualsiasi progetto attira tutta l’attenzione, per non parlare di una serie TV incentrata su uno dei personaggi più iconici di Burton di tutti i tempi in Wednesday Addams.

È interessante notare che i co-creatori della serie Netflix Miles Millar e Al Gough hanno dichiarato a The Hollywood Reporter di non essere inizialmente sicuri che Burton sarebbe entrato a far parte del progetto.

“Tim è sempre stata la nostra prima scelta per farlo, ma la gente diceva, ‘Non ha mai fatto televisione.’ Ma abbiamo detto: ‘Se non chiediamo, la risposta è no.’ Quindi, abbiamo inviato la sceneggiatura al suo agente. Al suo agente è piaciuto molto e l’ha inviato a Tim, e poi in modo scioccante, quattro giorni dopo, ha risposto e ha detto che gli sarebbe piaciuto mettersi al telefono e parlarcene. L’abbiamo fatto e praticamente si è impegnato in quel momento. – Al Gough, tramite The Hollywood Reporter.

Leggi anche |  I fan discutono del loro preferito Wendy Byrde [Laura Linney] Vestito di Ozark, qual è il tuo?

L’attrice Gwendoline Christie ha anche spiegato come hanno lottato per far fronte all’eccitazione che deriva dal lavorare con Burton.

“Ho ricevuto un messaggio che diceva: ‘Ciao Gwen, Tim Burton vorrebbe parlarti’, e ho pensato che stavo andando a fuoco spontaneamente perché ho voluto lavorare con Tim Burton per tutta la vita. Penso solo che Tim sia uno dei nostri grandi artisti, e intendo questo nel senso che è un visionario. Ed è genuinamente se stesso, e penso che la nostra industria e il nostro mondo debbano celebrare più artisti che sono interamente se stessi ed esistono solo per esprimersi. – Gwendoline Christie, tramite The Hollywood Reporter.

Di Tom Llewellyn – [email protected]

Mostra tutto

In altre notizie, tempo di rilascio dell’episodio 7 di Chainsaw Man, anteprima di “The Taste of Kissing”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui