Il diario di un serial killer una storia vera?

0
16

La nuova serie poliziesca in tre episodi di Netflix, Indian Predator: Il diario di un serial killer, è basata su una storia vera o su eventi del mondo reale?

I drammi polizieschi rimangono un genere televisivo che si trova tranquillamente nelle nostre liste di “piaceri colpevoli”; orribile e sconvolgente, ma insondabilmente affascinante da conoscere.

Oggi, 7 settembre, la piattaforma di streaming Netflix ha lanciato una serie poliziesca in tre episodi chiamata Indian Predator: The Diary of a Serial Killer.

Mentre i fan si sistemano per abbuffarsi dello spettacolo da dietro i loro divani, molti sono curiosi di sapere se Indian Predator: Il diario di un serial killer sia davvero una storia vera.

Avviso spoiler: questo articolo conterrà potenziali spoiler per Indian Predator: The Diary of a Serial Killer, quindi continua a leggere a tua discrezione.

Si prega inoltre di notare che seguono descrizioni inquietanti di omicidi e cannibalismo.

Indian Predator: Il diario di un serial killer è una storia vera?

Purtroppo, la nuova serie TV di Netflix Indian Predator: The Diary of a Serial Killer è davvero basata su una storia vera.

La serie segue l’indagine su Raja Kolander, un serial killer condannato che ha confessato di aver ucciso 14 persone con tendenze cannibalistiche.

“Quando un giovane giornalista molto amato scompare ad Allahabad, l’intera comunità si riunisce per portare alla luce la verità. Nel processo trovano un sospetto improbabile: il marito di un politico locale da poco tempo. Proprio quando la polizia pensa che il caso sia chiuso, trova un diario con un elenco di 13 nomi insieme a quello del giornalista morto”. – Sinossi, tramite LadBible.

Il 14 dicembre 2000, un giornalista di nome Dhirendra Singh, che lavorava per il quotidiano locale Aaj Hindi, è scomparso ad Allahabad; ora noto come Prayagraj dell’Uttar Pradesh.

L’indagine della polizia avrebbe portato a una tecnica di sorveglianza telefonica che ha rintracciato una chiamata che Singh aveva fatto due giorni dopo la sua scomparsa iniziale. La telefonata è stata fatta a una famiglia in una zona vicina ea una coppia sposata, il cui marito era Raja Kolander.

Le autorità sospettavano che Kolander potesse essere coinvolto. Tuttavia, non avrebbero mai potuto immaginare cosa avrebbero trovato durante la ricerca in una fattoria vicina… un diario con altri 13 nomi di persone scomparse e 14 teschi umani.

Durante il processo per l’omicidio di Dhirendra Singh, Kolander avrebbe confessato l’uccisione di 14 persone e in seguito avrebbe ammesso di aver mangiato varie parti del loro corpo, favorendo il cervello.

Per DailyO, “Apparentemente gli piaceva cucinare e mangiare il cervello delle sue vittime. Una volta che il succo era uscito dal teschio, Kolander avrebbe quindi continuato a parlare con i teschi, che in seguito avrebbe tenuto come trofei.

Nonostante sia stato arrestato nel 2001, è stato solo nel 2012 che Kolander e il co-cospiratore Vakshraj Kol sono stati effettivamente condannati all’ergastolo.

“Il 30 novembre 2012, Raj Kolander e Vakshraj Kol sono stati condannati all’ergastolo con l’omicidio di Dhirendra Singh classificato come un caso ‘raro di raro’. Inizialmente furono imprigionati nel carcere di Naini, seguito da un periodo a Lucknow. Attualmente i due stanno scontando la pena in un carcere di Unnao”. – Quotidiano O.

Impossibile caricare questo contenuto

Vedi altro

Visualizza Tweet

Questa è la seconda stagione di Indian Predator

Gli spettatori dovrebbero notare che The Diary of a Serial Killer è in realtà la seconda stagione della serie Indian Predator.

La prima stagione è stata intitolata “The Butcher of Delhi” ed è stata rilasciata in tutto il mondo il 22 luglio 2022.

L’anteprima ufficiale diceva: “Una serie di corpi mutilati e appunti di scherno lasciati fuori da una prigione di Delhi invia alla polizia un indizio per un assassino esperto con rancore contro il sistema”.

Questa serie limitata di tre episodi si è concentrata sul famigerato caso Chandrakant Jha, un uomo che ha stretto amicizia, che ha ucciso 18 vittime a Delhi ovest tra il 1998 e il 2007.

La serie è stata sfortunatamente accolta con recensioni contrastanti o negative da parte di spettatori e critici, con valutazioni di appena 6,0/10 su IMDB e il 20% su Rotten Tomatoes.

Tuttavia, va notato che la maggior parte delle recensioni era solo critica nei confronti della produzione, piuttosto che dell’orribile rivisitazione del caso stesso da parte delle persone coinvolte.

Ad esempio, l’attuale recensione principale su IMDB è intitolata “Criminalità interessante [series]forse non raccontato nel miglior modo possibile”.

“Nel complesso, è un orologio piuttosto soddisfacente, impari a conoscere l’assassino, le sue motivazioni, il suo disprezzo per The Police, ed è uno spettacolo fantastico, le rievocazioni sembrano piuttosto buone. Vale la pena guardare per conoscere i crimini scioccanti, sicuramente la roba degli incubi. Tuttavia, è un orologio molto frustrante, è letteralmente come cercare di radunare i gatti, poiché ci sono così tanti fili, vengono fornite così tante informazioni, ma salta nel modo più frustrante, avrai sicuramente bisogno di caffeina extra se stai pianificando per abbuffarsi, perché può essere un po’ difficile tenere il passo. – Revisione utente, tramite IMDB.

Di Tom Llewellyn – [email protected]

Mostra tutto

In altre notizie, ha spiegato il mistero di Jerryboree in Rick and Morty

Leggi anche |  "Manifest" stagione 4: tutto ciò che sappiamo finora con le riprese in corso

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui