Recensione di Evil West: forte combattimento simile a Doom, mediocre western sui vampiri

0
6

Colpisci un mostro Il male occidentale e la connessione del pugno corazzato con il corpo nemico crea un effetto sonoro da cartone animato come un blocco di calcestruzzo che colpisce un lato di carne congelata. Dai ancora un pugno a un mostro e alla fine esploderà con la trasandatezza bagnata di un pallone d’acqua pieno di ketchup. A volte, quando si usano determinate mosse, prendere a pugni un mostro fa apparire il suo scheletro mentre il suo corpo bizzarro vibra, fissato a mezz’aria con lampi di elettricità blu. Spara a un nemico diverso e le sue braccia potrebbero volare via, fontane di sangue che sgorgano come Monty Python e il Santo GraalIl Cavaliere Nero soffre di ipertensione.

È importante menzionare la trama di Il male occidentaleè la violenza in primo piano perché, in definitiva, è ciò che sostiene l’intero gioco. Le ultime da Flying Wild Hog, il team dietro il Guerriero Ombra riavviare la serie e Ripristino completo, è ambientato in una versione soprannaturale della conquista degli Stati Uniti verso ovest nel XIX secolo. Una cospirazione di vampiri, ci viene detto durante l’apertura, esiste nella nazione “sin dai tempi dei Padri Fondatori”, a cui si oppongono i cacciatori di mostri appartenenti a un’organizzazione chiamata Rentier Institute. Una visione mitologica delle ambientazioni storiche può essere un ottimo modo per ritrarre il passato. Purtroppo, Il male occidentalenonostante dedichi molto tempo alla sua narrazione, non sembra molto interessato alla sua storia al di là della premessa fondamentale di mescolare un polposo film di mostri con un western semi-passabile.

Immagine: Flying Wild Hog/Focus Entertainment

Non aiuta il fatto che il protagonista Jesse Rentier, un supercowboy assolutamente determinato, addobbato con un cappello a tesa larga dentellato e strati di pelle nera riccamente decorata, sia un vero disastro. Jesse è costretto a portare molto Il male occidentalesta raccontando storie sulle sue spalle muscolose e non è del tutto all’altezza del compito. Lui, insieme agli altri membri del Rentier Institute (incluso il suo leader, il burbero papà dalla faccia da cavallo di Jesse), sono una combinazione irregolare di eroi d’azione mortalmente seri e scherzi tranquilli. I loro scrittori non sembrano mai del tutto sicuri se il cast debba fare battute sull’assurdità della loro missione di caccia ai vampiri o fornire un’esposizione schietta e noiosa al riguardo. (Durante l’esplorazione, Jesse pronuncerà a malincuore “moneyyy” alla vista di un sacco di monete o “burnnn” quando dà fuoco a ragnatele giganti con un lanciafiamme. Nessuna di queste barzellette è così divertente come il fatto che abbia le parole “RENTIER INSTITUTE” impresse sul suo guanto.)

Leggi anche |  Tower of Fantasy è perfetto per ricreare i personaggi di Genshin Impact

La violenza di Evil West è, in definitiva, ciò che trasporta l’intero gioco

Se la storia si spingesse un po’ di più nel campo intrinseco della sua premessa, trovando più gioia nel ridicolo dei suoi dialoghi e nella drammaticità di una trama per fermare una nefasta cospirazione guidata da una bambina vampira immortale, offrirebbe un momento migliore . Così com’è, Il male occidentaleIl tentativo incompleto di una storia – ci sono un sacco di filmati e livelli inter-missione che implicano camminare intorno a un hub di base per raccogliere frammenti di testo nell’universo – sminuisce ciò che il gioco fa meglio: offrire una raffica di arene di combattimento popolate da una varietà di mostri apparentemente felici di essere fatti a pezzi, colpiti e fatti a pezzi da Jesse.

Jesse è sorprendentemente arzillo per essere un ragazzo che attraversa canyon del deserto arroventati dal sole, sentieri nebbiosi nella foresta e paludi umide come un dimenticato Ingranaggi di guerra backbencher. Sfreccia agilmente sul campo di battaglia e si lancia contro i nemici come una tozza palla di cannone: una delle sue abilità è, giustamente, chiamata “Palla di cannone”. Il peso deliberato dei suoi movimenti si ripercuote sui ritmi di Il male occidentalesta anche sparando e prendendo a pugni.

Il cowboy Jesse prende di mira un'arpia volante nemica in Evil West, mentre si lancia per artigliarlo

Immagine: Flying Wild Hog/Focus Entertainment

Mentre Jesse si aggira per l’America, ottiene nuove armi e aggiornamenti dagli ingegneri dell’istituto o come pick-up sul campo. Il ritmo è impeccabile: Il male occidentaleL’equipaggiamento e il set di abilità in graduale espansione di non sono mai travolgenti e, di conseguenza, incoraggia tattiche di improvvisazione che fanno pieno uso di ogni arma a disposizione di Jesse. In questo senso, non è diverso dal sempre più complesso combattimento mix-and-match dell’originale Destino giochi e i loro sequel riavviati. Per essere chiari, è del tutto possibile vincere la maggior parte dei combattimenti con una selezione limitata di armi. Ma un campo brulicante di vampiri volanti, che scavano, caricano ed esplodono è meglio ripulito facendo pieno uso di Il male occidentalel’arsenale di raccapriccianti strumenti per uccidere. Come dice il vecchio adagio, c’è una chiave per ogni serratura; Jesse ha un’arma adatta per aprire ogni mostro.

Leggi anche |  Tutti gli eventi di Pokemon Go di ottobre 2022, la giornata della community e il programma dei raid

Per quanto divertente sia il combattimento, tuttavia, è comunque deludente che l’unico buon modo per interagire con l’assemblea di fanatici dei vampiri in Il male occidentale è trasformandoli in esplosioni di sostanza appiccicosa rossa. Mentre si parla un po’ della natura parassitaria della conquista americana verso ovest, Il male occidentale altrimenti presta troppo poca attenzione al contesto della sua ambientazione americana della fine del XIX secolo per estrarne qualcosa di vitale. E questo non è per mancanza di opportunità: la trama mette immediatamente i leader dei suoi espansionisti Stati Uniti in conversazione con mostri vampirici letterali che prosperano succhiando la forza vitale dagli altri. Nonostante alcune finte nella direzione di un commento generale sulla brutalità della sua ambientazione, il gioco non si sofferma mai abbastanza a lungo da chiarire qualsiasi punto di vista.

Il cowboy Jesse impugna la pistola e lancia un'occhiata alle sue spalle verso la porta di un saloon a Evil West

Immagine: Flying Wild Hog/Focus Entertainment

Diventa ancora più piatto quando ci si avvicina ai dettagli: prendi, ad esempio, l’affermazione di una descrizione del menu secondo cui un’enorme specie di vampiro è “originaria della tribù Jenu del Nord America” ​​​​quando il riferimento sembra, invece, inteso a citare una creatura di Mi’kmaq folklore chiamato “Jenu”. Sebbene l’errore derivi probabilmente da una semplice negligenza, è un segno evidente che Il male occidentaleI creatori di non erano così preoccupati di servire i dettagli della sua ambientazione quanto di usarla come una sorta di moodboard per filmati e arene di battaglia.

Tuttavia, ignorando il tempo di inattività dedicato ai suoi personaggi privi di fascino e alla trama blanda, c’è un innegabile brivido nei combattimenti. Se solo il resto del gioco avesse un pugno memorabile come fa il suo protagonista quando batte le viscere Il male occidentale‘s vampiri, sarebbe più facile consigliare. Così com’è, non è molto più di una serie di arene di mostri migliori della media interrotte da una narrazione poco ispirata.

Leggi anche |  Hearthstone rivisita il miglior cattivo di Warcraft e aggiunge una nuova classe di eroi

Il male occidentale uscirà il 22 novembre su PlayStation 4, PlayStation 5, PC Windows, Xbox One e Xbox Series X. Il gioco è stato recensito su PC utilizzando un codice di download pre-rilascio fornito da Focus Entertainment. Vox Media ha partnership di affiliazione. Questi non influenzano il contenuto editoriale, sebbene Vox Media possa guadagnare commissioni per i prodotti acquistati tramite link di affiliazione. Potete trovare ulteriori informazioni sulla politica etica di Polygon qui.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui