Modern Warfare 2 riporta la messa a punto delle armi nel nuovo aggiornamento

0
9

Call of Duty: Modern Warfare 2 è arrivato e ha portato con sé alcuni problemi che dovevano essere risolti. Ciò significa che la prima intera settimana del gioco è stata piena di patch, inclusa una che disabilitava la messa a punto delle armi, un’altra che la riattivava e una grande patch per aiutare a prevenire arresti anomali.

Alcuni giorni fa, lo sviluppatore Infinity Ward ha dovuto disabilitare la messa a punto delle armi, che ha consentito ai giocatori di regolare più attentamente le statistiche delle loro armi utilizzando una serie di accessori personalizzabili. Ma grazie a un aggiornamento di giovedì sera, il sistema è stato riacceso e ora funziona di nuovo come previsto.

Nel frattempo, Infinity Ward ha anche rilasciato una patch venerdì che ha risolto una serie di problemi che causavano arresti anomali per i giocatori su tutte le piattaforme, il che si spera dovrebbe migliorare la stabilità. Infinity Ward ha anche affermato che l’ultimo aggiornamento risolverà alcuni problemi di framerate e congelamento, nonché alcuni casi di ritardo.

Una parte leggermente strana della patch è la sua dimensione complessiva. Secondo CharlieIntel su Twitter, l’aggiornamento è stato inferiore a un gigabyte su PC e PlayStation, mentre gli utenti Xbox sono stati colpiti con un’installazione fino a 50 GB. Non è chiaro perché la versione Xbox fosse così grande o quali siano le differenze.

Per ora sembra che Infinity Ward stia tenendo Guerra moderna 2Gli aggiornamenti si sono concentrati sulle prestazioni piuttosto che sull’equilibrio, ma sono in arrivo anche modifiche al bilanciamento. All’interno delle note sulla patch di venerdì, lo sviluppatore spiega che prevede di trascorrere le prossime settimane a monitorare le prestazioni di tutti Guerra moderna 2‘s e rilascerà una grande patch di bilanciamento all’inizio della prima stagione del gioco.

Leggi anche |  Il regista di Silent Hill rompe il silenzio su più giochi in fase di sviluppo durante l'intervista

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui