La fusione Microsoft/Activision Blizzard “probabilmente” dovrà affrontare una causa legale FTC, afferma il rapporto

0
8

Le possibilità di Microsoft di completare l’acquisizione da 70 miliardi di dollari di Activision Blizzard sembrano un po’ più scarse questa settimana. Citando tre fonti a conoscenza della questione, Politico riferisce che è “probabile” che la Federal Trade Commission (FTC) degli Stati Uniti tenti di bloccare l’accordo con una causa antitrust.

La notizia arriva mentre l’accordo deve affrontare un severo controllo anche da parte delle autorità di regolamentazione del Regno Unito e dell’Unione Europea. I governi di tutto il mondo sono desiderosi di frenare il potere delle grandi aziende tecnologiche e la mossa di potere di gioco di Microsoft presenta loro un grande obiettivo. La presidente della FTC Lina Khan è stata esplicita nella sua opposizione a potenziali monopoli tecnologici.

Le fonti di Politico affermano che la decisione non è stata ancora presa, ma che “lo staff della FTC che sta esaminando l’accordo è scettico sulle argomentazioni delle società”.

Nel frattempo, la guerra di parole tra Sony e Microsoft sull’accordo ha preso una svolta assurda mercoledì quando l’autorità di regolamentazione del Regno Unito, la Competition and Markets Authority, ha rilasciato dichiarazioni contrastanti che le due società avevano rilasciato ai suoi investigatori in ottobre. Sony sta chiedendo alle autorità di regolamentazione di bloccare l’accordo, affermando che Microsoft che controlla Activision Blizzard, e in particolare il franchise di Call of Duty, eliminerà la concorrenza nel mercato dei giochi.

Entrambe le società sono state messe nella posizione insolita di essere motivate a sostenere che i loro avversari hanno molto più successo di loro, e si sono piegate all’indietro per presentarsi come lo sfavorito sfavorito.

Leggi anche |  Hideo Kojima dice di rifiutare ogni giorno offerte "ridicole" per il suo studio

“Il suggerimento che il leader di mercato in carica, Sony, con un potere di mercato chiaro e duraturo, potrebbe essere precluso dal più piccolo dei tre concorrenti di console, Xbox, a causa della perdita dell’accesso a un titolo, non è credibile”, ha protestato Microsoft. (Ha anche strenuamente negato che avrebbe fatto una cosa del genere in primo luogo; il capo dei giochi di Microsoft Phil Spencer ha detto che Call of Duty rimarrebbe su PlayStation “fintanto che ci sarà una PlayStation là fuori a cui spedire”, mentre la società ha detto al Il New York Times aveva offerto a Sony altri 10 anni di giochi Call of Duty.)

Microsoft ha anche affermato generosamente che i suoi giochi esclusivi erano spazzatura rispetto a quelli di Sony. “Sony ha giochi più esclusivi di Microsoft, molti dei quali sono di qualità migliore”, ha affermato, citando “franchising iconici di prima partecome God of War e Uncharted. PlayStation aveva “quasi cinque volte più” titoli esclusivi di Xbox.

La risposta di Sony è stata quella di parlare male del proprio servizio di abbonamento. “Game Pass guida PlayStation Plus in modo significativo”, gemette. “Microsoft ha già un vantaggio sostanziale nei servizi di abbonamento multi-gioco. Game Pass ha 29 milioni di abbonati alla console Xbox Game Pass e Xbox Game Pass Ultimate e si prevede che crescerà notevolmente in futuro. I livelli di abbonamento multi-gioco di PlayStation Plus sono notevolmente in ritardo “, ha aggiunto umilmente.

Sony ha anche preso di mira la serie Battlefield di EA, poiché sosteneva che Call of Duty è troppo popolare nel suo campo per competere, se Microsoft lo rendesse esclusivo. “Anche supponendo che SIE avesse la capacità e le risorse per sviluppare un franchise di successo simile a Call of Duty”, ha affermato Sony, “ci vorrebbero molti, molti anni e miliardi di dollari per creare uno sfidante di Call of Duty – e l’esempio di Il campo di battaglia di EA dimostra che qualsiasi tentativo del genere sarebbe molto probabilmente infruttuoso. Spari!

Leggi anche |  Il regista di Silent Hill rompe il silenzio su più giochi in fase di sviluppo durante l'intervista

Microsoft punta a completare l’acquisizione di Activision Blizzard prima della metà del 2023.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui