Il miglior gioco di Assassin’s Creed è su Xbox Game Pass

0
11

Con tutti i suoi intrighi cortigiani, le turbolenze geopolitiche e i viaggi nel tempo che attraversano millenni, è facile dimenticarlo Le origini di Assassin’s Creed inizia con la morte di un bambino. Quando i protagonisti Bayek e Aya sono partiti per le loro missioni di vendetta intrecciate attraverso l’Egitto, la Libia e la penisola del Sinai, l’inimmaginabile è già accaduto. Il resto sono solo dettagli poiché entrambi fanno del loro meglio per far fronte alla perdita del figlio.

Ubisoft rilasciato Le origini di Assassin’s Creed nel 2017, due anni dopo Sindacato di Assassin’s Creedsegnando la prima pausa dalle versioni annuali dopo il divario tra il gioco originale del 2007 e il suo sequel. Origini è stato a dir poco un cambiamento tettonico: il parkour urbano della serie e gli elementi di invisibilità sociale sono stati ridotti all’osso a favore di un mondo tentacolare, un solido sistema di missioni e una riserva di bottino in buona fede. Il cinico in me riconosce questi nuovi pilastri del design come uno sforzo per portare la serie in linea con i giochi open world “moderni”; l’ottimista in me non può fare a meno di meravigliarsi del risultato. sono tornato a Origini di recente per giocarci su Xbox Game Pass, ed è sorprendente come sempre.

Posta verso la fine del periodo tolemaico, Origini’ L’Egitto è enorme. Non intendo enorme in termini di scala, più in termini di portata. Mentre la maggior parte dei precedenti giochi di Assassin’s Creed saltellavano tra una manciata di città, gli insediamenti Origini sono collegati da una vera e propria campagna sfumata. È un insieme di deserti, oasi, misteriose caverne e coste azzurre. Assassin’s creed 4 black flag era enorme, sì, e il suo oceano connettivo ha ospitato non mancano sequenze emozionanti. Ma le città caraibiche di L’Avana, Kingston e Nassau sembravano semplici trampolini di lancio al servizio della trama centrale. In Originidozzine di singoli insediamenti hanno le loro storie fantastiche e discrete da raccontare.

Leggi anche |  I migliori mazzi 2V2 per la nuova sfida Clash Royale

Ubisoft Montréal/Ubisoft

C’è Letopolis, la città lentamente inghiottita dal deserto, anche se i sotterfugi politici impediscono la ricerca di vendetta di Bayek; c’è Menfi, una città i cui cittadini credono che sia stata maledetta dopo che il loro toro patrono è stato avvelenato; c’è Cirene, dove l’élite romana al potere può affacciarsi dall’Acropoli della città sugli egizi colonizzati. Rimango in ognuno di questi posti molto tempo dopo aver esaurito le loro missioni secondarie, perché ognuno si sente dettagliato come Boston in Assassin Creed’s Creed 3Parigi a Unitào Roma in Fratellanza.

Origini è un ottimo esempio di come il ritmo sia importante tanto nei giochi open world quanto in quelli lineari

Nei suoi ambienti urbani, nei suoi borghi caratteristici, e nei suoi paesaggi bucolici, Origini vive del suo eccesso di spazio, in particolare perché comprende le complessità del vuoto. Mentre i giochi open world minori si sono sovraccarichi di oggetti da collezione, missioni e cose da fare in ogni loro anfratto, Origini ha la sicurezza di far respirare il suo mondo. Il deserto nero scosceso e desolato vicino al centro della sua mappa è completamente privo di personaggi non giocabili e scrigni del tesoro. È appena . Ma lungi dal sentirsi inutile, trasmette un senso di quiete e solitudine che fa sentire le città dall’altra parte molto più vivaci. Piace Legend of Zelda: Breath of the Wild e di quest’anno Anello dell’Elden, Origini è un ottimo esempio di come il ritmo sia importante tanto nei giochi open world quanto in quelli lineari. Ed è un concetto Assassin’s Creed Odissea e Valhalla non ho capito bene.

Leggi anche |  Bandai Namco regala a Elden Ring l'eroe popolare "Let Me Solo Her" una spada incisa, ritratto in legno di Malenia

Origini è tanto più impressionante nel modo in cui attira l’attenzione tra i punti di interesse con linee di vista, sagome all’orizzonte e colori. (Quel colore! Fottimi con quel colore.) In una serie quasi definita dalle tavolozze dei colori dei suoi giochi, il blu e l’oro di OriginiI paesaggi, i vestiti e l’architettura sono ancora più sbalorditivi. Così sono anche i rossori improvvisi in un campo di papaveri, o il verde vibrante di un’oasi (o è un miraggio?) in lontananza. Ricordo ancora che mi mozzavo il respiro la prima volta che vidi gli Erython Dye Workshops attraverso gli occhi dell’aquila di Bayek Senu. Ci è voluto il lavoro di artisti di talento per far emergere le location Origini‘ incantevoli panorami d’oro, e pop lo fanno.

Assassin's Creed Origins - Bayek e Aya si abbracciano

Ubisoft Montréal/Ubisoft

Per tutta la sua padronanza ambientale, tutte le sue avvincenti storie secondarie e tutti i suoi strati di artigianato, Le origini di Assassin’s Creed è, soprattutto, una potente storia d’amore. Sulla scia dell’omicidio del loro figlio, Khemu, la storia d’amore tra Bayek e Aya è tesa e complessa. Bayek, che, in modo cruciale, ha effettivamente pugnalato Khemu durante un momento di confusione, affronta la perdita uccidendosi attraverso l’Egitto. Aya, d’altra parte, abbraccia il conforto di uno scopo più alto, allineandosi con Cleopatra, che è tornata in Egitto dopo essere stata esiliata dal fratello Tolomeo XIII.

Entrambi sono intenti a smascherare l’Ordine degli Antichi – un gruppo a cui appartengono gli assassini di Khemu – ma le loro strade si incrociano solo occasionalmente. Passano mesi, anche anni alla volta prima di vedersi, incontrarsi (sono entrambe ragazze, tra l’altro), parlare in modo tortuoso del loro dolore condiviso, e poi separarsi di nuovo per continuare la caccia. È difficile dire se c’è uno scopo nella loro missione o se si stanno solo distraendo. È tragico.

Leggi anche |  Come entrare nella beta di MultiVersus

È la loro relazione complessa ma avvincente che fonda Origini‘ racconto di politica globale e spionaggio, che lo rende più accessibile di qualsiasi Assassin’s Creed prima o dopo. La storia principale qui è quella del lutto di Bayek e Aya, e la classificherei tra artisti del calibro di L’ultimo di noi parte 1 e Legend of Zelda: la maschera di Majora in quanto magistralmente esplora le fasi del lutto. Quando hanno portato a termine la loro missione iniziale e hanno deciso di formare gli Occulti (il precursore della famosa Fratellanza degli Assassini della serie), sono diventati troppo distanti per potersi ricollegare completamente.

Stranamente, mi viene in mente Frodo alla fine de Il Signore degli Anelli, in viaggio verso The Grey Havens e lasciandosi alle spalle la Terra di Mezzo perché così tanto cattivo gli era successo, e come poteva spiegarlo a qualcun altro? Bayek e Aya non sono innocenti in nessun senso – Bayek probabilmente ha ucciso più di 2.000 persone durante il mio gioco Platinum – ma il rimorso che li circonda è comunque potente. Entrambi hanno sperimentato l’inimmaginabile e, sebbene possa esserci un mondo in cui possono affrontarlo pienamente, insieme, questo non è quel mondo. Quindi continuano per strade separate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui