Flesh and Blood, l’ultimo concorrente di MTG, ha trovato la sua forza

0
5

“Sento che per tutta la mia carriera ho combattuto questa lotta per portare riconoscimento, rispetto e convalida sul tavolo”, ha detto James White, fissandomi intensamente attraverso lo schermo del suo computer. Trenta minuti dopo l’inizio della nostra conversazione, il co-fondatore di Legend Story Studios aveva rapidamente bruciato il suo materiale per la presentazione dell’ascensore Carne e ossail gioco di carte collezionabili che ha lanciato dalla Nuova Zelanda nel 2019. Adesso era ben fuori dal copione, scavando in profondità nelle emozioni che circondano l’hobby che era diventato il lavoro della sua vita.

Nelle sue mani teneva una piccola targa davanti alla telecamera, un premio che ha vinto con la Deloitte Fast 50. Per lui è la prova che la sua azienda sta guadagnando terreno contro il suo più grande concorrente, il gigante multimiliardario, Magia: The Gathering. I dati mostrano che le entrate di Legend Story sono aumentate del 6.416% negli ultimi tre anni, rendendola una delle nuove società di maggior successo della Nuova Zelanda in 22 anni. Carne e ossa è un successo, un gioco di carte ora giocato praticamente in tutti i continenti e venduto in più di 3.200 negozi di giochi, un hobby in sé e per sé che viene giocato settimanalmente da più di 2.500 diverse comunità locali in tutto il mondo.

Carne e ossa potrebbe non essere mai così popolare come Magiama è una forza innegabile da non sottovalutare – e così è White.

“Non mi interessa molto dei riconoscimenti in generale”, ha continuato. L’ex Magia il giocatore professionista, che ha rappresentato la Nuova Zelanda quattro volte ai campionati del mondo, ha distolto lo sguardo solo per un momento per riprendersi. “Questo significa davvero molto perché per me questa è stata una conferma. Si trattava di inviare un messaggio davvero forte alla comunità imprenditoriale e al governo della Nuova Zelanda: “Voi ragazzi dovete rispettare il gioco e la cultura del gioco in quanto un’industria molto critica che merita rispetto, che merita riconoscimento e che merita supporto”. “

Tre anni dopo la sua nascita, Carne e ossa sta andando forte, e White vuole che tu sappia che c’è un posto in questa comunità anche per te.

Leggi anche |  Blizzard annuncia la beta endgame di Diablo IV, che includerà nuovi Nightmare Dungeon

In Carne e ossa, i giocatori assumono il ruolo di guerrieri fantasy impegnati in combattimenti testa a testa. I giocatori dichiarano quali armi e armature useranno prima ancora che inizi una partita, quindi pescano una piccola mano ogni round da un mazzo di mosse. Queste mosse vengono poi giocate, insieme alle mosse del tuo avversario, al centro del tavolo. Queste carte formano quella che viene chiamata “la catena di combattimento”, ed è lì che avviene la vera azione.

Lungo la catena di combattimento, i giocatori si scambiano colpi in mischia, attacchi difensivi, incantesimi offensivi e altre mosse per sventare le strategie dei loro avversari, rompere la guardia e infliggere danni. Dove un gioco di Magia può sentirsi come due potenti maghi che si stagliano dalle cime di montagne lontane, lanciando incantesimi titanici nella valle sotto di loro, Carne e ossa sembra molto più intimo. Per nominare un’altra famosa battaglia che ha avuto luogo anche in Nuova Zelanda, se un gioco di Magia racconta la storia della Battaglia dei Campi del Pelennor, Carne e ossa ingrandisce solo la lotta tra Éowyn e il Re Stregone di Angmar. E per White, quel senso di intimità era il punto centrale della creazione del gioco in primo luogo.

Immagine: Legend Story Studios

L'imperatore è un mago guerriero, il primo per Flesh and Blood.  Si chiama Dracai di Aesir e indossa abiti che ricordano i reali cinesi, ricchi di accenti rossi, bianchi e dorati.

Immagine: Legend Story Studios

“Le persone in genere hanno un lavoro, hanno una casa e poi hanno un terzo posto”, ha detto White. “Per alcune persone c’è un club sportivo, o è una chiesa, o è il pub, o forse è come un club musicale o qualcosa del genere. Ma per i giocatori, per i giocatori da tavolo, tradizionalmente è stato il negozio di giochi locale”.

Quando era un adolescente, il negozio di giochi locale di White ha avuto un ruolo importante nella sua vita. È lì che si è fatto i suoi migliori amici, persone su cui poteva fare affidamento per aiutarlo quando era in una marmellata. Più tardi, come Magia ha iniziato a diventare più una macchina aziendale con dozzine di versioni ogni anno, ha iniziato a preoccuparsi che l’attrezzatura di un negozio di giochi locale potesse essere in declino. Questo è in parte il motivo per cui nel 2012 ha iniziato a svilupparsi Carne e ossa.

“Il negozio di giochi locale ha ancora svolto un ruolo davvero importante nella mia vita”, ha detto White. “Mi ha tenuto con i piedi per terra e circondato da brave persone. […] In passato ho lavorato con altri editori nello spazio TCG e ho avviato e gestito una società di distribuzione nazionale, distribuendo praticamente tutto tranne Magia in Nuova Zelanda. Quello che ho iniziato a osservare è stata questa tendenza a migrare clienti e fan dai negozi di giochi locali e sulle piattaforme online. E non fraintendetemi, la tecnologia è eccezionale e il gioco online è fantastico. Ma ho davvero iniziato a notare e sentirmi come se stessimo erodendo quella funzione dei negozi di giochi locali che fungono da hub della comunità”.

Leggi anche |  DBD Tome 13 Data di uscita di Malevolence, ora con tutte le skin e i ciondoli

Ecco dove il nome per Carne e ossa è venuto da, infatti — è un gioco che può essere giocato solo di persona, uno che White giura non avrà mai una versione online.

“In realtà ho deciso che voglio provare a fare qualcosa per preservare quella cultura”, ha detto White. “Andare al negozio il venerdì sera o il sabato e incontrare i tuoi amici, incontrare nuove persone e formare queste comunità locali”.

La crescita di Carne e ossa le comunità, insieme alla mancanza di un’implementazione digitale, ha creato un circuito competitivo diversificato e fiorente, ma anche un ecosistema molto sano di negozi e giocatori casual dedicati, ha affermato White. Oggi, mentre la prossima grande espansione del gioco è in vendita, diverse parti del mondo stanno giocando in modo molto diverso. Singapore e i paesi del sud-est asiatico, ad esempio, prediligono guerrieri draconico come Fai e Dromai. Nel frattempo, i devoti in Polonia preferiscono Bravo e Viserai.

Da un lato, ciò significa che il team di Legend Story sta facendo il duro lavoro per rendere il suo gioco attraente per giocatori di culture diverse. Significa anche che quando i giocatori di quelle diverse culture si incontrano nel mondo reale, le diverse tecniche emerse in ogni scena locale si scontrano. Diversi eroi e diverse strategie si uniscono costantemente in tornei competitivi, i cui risultati cambiano effettivamente il corso futuro del gioco.

“Quando un eroe vince un evento in anteprima”, ha detto White, “ottiene un certo numero di punti Leggenda vivente. Più prestigioso è l’evento, più punti Living Legend sono in palio. Quando un eroe arriva a 1.000 punti Leggenda Vivente, diventa una Leggenda Vivente. In sostanza, sono in pensione [from the game]inserito nella Hall of Fame, e non puoi più usare quel particolare eroe.

Leggi anche |  Crypto Gambling negli Stati Uniti: regolamenti e tendenze

Tutte le altre carte, comprese armi, armature, attacchi e incantesimi, rimangono nel mix, in attesa che il prossimo nuovo eroe prenda letteralmente il mantello e le brandisca in battaglia ancora una volta.

“È così che creiamo questo metagame in evoluzione, dinamico e flessibile”, ha detto White. “Ottieni questo metagioco in cui c’è costantemente un nuovo livello di eroi che sale verso l’alto, e poi dove finiscono i buchi – perché un certo tipo di eroe diventa una leggenda vivente – possiamo introdurre un nuovo tipo di variante di quell’eroe in il futuro.”

È un nuovo modo di far uscire le carte dal gioco, ma è un modo che White ritiene più equo sia per i giocatori che per i collezionisti.

“Vogliamo che i nostri fan abbiano utilità della loro collezione”, ha detto White, piuttosto che chiedere loro di inseguire le carte più nuove e rare su base annuale. È un modello di business che premia i giocatori per la loro devozione, che li incentiva ad andare avanti con nuove opportunità piuttosto che semplicemente la paura di perderli. White spera che quel tipo di attenzione ai dettagli aiuterà il gioco a continuare a guadagnare nuovi fan anche in futuro.

Carne e ossal’ultima versione, intitolata Dinastia, sarà in vendita venerdì. Puoi trovarlo – dove altro? — presso il tuo negozio di giochi locale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui