Arte AI e giochi da tavolo: i vantaggi e le sfide etiche

0
7

Lo spazio latente è stato paragonato al selvaggio West nella sua illegalità, ma quella metafora nasconde la vera stranezza delle sue valli misteriose. Uomini senza volto lottano per uscire dalla nebbia, guglie ruvide si estendono all’orizzonte, i mercati notturni svaniscono mentre gli edifici di Frank Lloyd Wright si trasformano in Pizza Huts. Mentre l’arte viene necromantata nello stile di artisti morti e viventi, una delle valli dello spazio latente si riempie degli ordini di un milione di scultori e utenti. Anche se questo può sembrare un’ottima cornice per una campagna di giochi di ruolo da tavolo (con mescolanza di generi, surrealtà e domande sulla vita e l’umanità), lo spazio latente sta diventando uno strumento discutibile in un designer di TTRPG o nella cintura di un artista per le uscite commerciali, creazioni dei fan e altro ancora. Lo spazio latente, in parole povere, è un luogo metaforico pieno di tutte le possibili immagini che l’IA potrebbe creare, ognuna alterata da un fattore o un suggerimento diverso. In questo mondo in crescita della generazione artistica dell’IA, man mano che gli strumenti generativi migliorano ogni mese, aumentano anche le domande etiche sul futuro dell’arte TTRPG.

I sistemi di generazione artistica di intelligenza artificiale come DALL-E 2, Midjourney e Disco Diffusion sono esplosi in popolarità negli ultimi mesi, con la maggiore spinta in arrivo questa primavera con sistemi di facile accesso come Craiyon (ex DALL-E mini) e account come Weird Dall-E Mini Generations, che mostra alle persone fino a che punto è arrivata l’arte dell’IA. Il video introduttivo di Vox offre un’ottima spiegazione, ma il principale meccanismo di generazione dell’arte sono le istruzioni di parole. Scrivi quello che vuoi vedere e sputa arte a un ritmo incredibilmente veloce. Arthur C. Clarke ha affermato che qualsiasi tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia e l’arte dell’IA può davvero trasmettere quel messaggio. Quando il game designer Raph D’Amico racconta a Polygon come ha raccolto l’arte dell’IA da utilizzare potenzialmente nel suo TTRPG horror mutazionale La zona, usa la metafora di un photowalk. “Lo spazio latente, per me, è quasi questo posto in cui vai e fai fotografia”.

Tuttavia, la tecno-magia può essere un campo minato in termini di utilizzo del copyright, potere aziendale, proprietà intellettuale, confusione del Web3, economie degli artisti e comportamento rispettoso in generale. Quasi tutti i 10 designer, artisti e attori reali di TTRPG intervistati per questo pezzo hanno menzionato di aver discusso l’argomento in punta di piedi. Hanno posto domande come “Quanto posso avvicinarmi al lavoro di un altro artista prima che sia considerato un furto?”; “I sistemi di intelligenza artificiale deprimeranno il valore dell’arte TTRPG originale?”; e “Mi farò ridere fuori dalla stanza se uso l’arte dell’IA?” Dopo che progetti Web3 come il sistema NFT di Gripnr e l’annuncio della blockchain di Kickstarter sono stati rimproverati e derisi dallo spazio TTRPG indipendente, una nuova tecnologia brillante per lo più di proprietà aziendale sta attirando gli occhi.

Sopra c’è il risultato in Midjourney’s Discord per il prompt “il futuro dei giochi di ruolo da tavolo per Polygon, iperrealistico, pieno di luce, nitido, 8×16”

Immagine: Pearse Anderson via Midjourney

Ma tutti gli intervistati affermano anche di non vedere l’arte dell’IA sostituire l’arte originale e molti indicano che la tecnologia lavora per assistere nella produzione artistica. Sebbene alcuni progetti utilizzino l’arte dell’IA per copertine, personaggi e spread, l’IA può anche avviare alcune parti del processo. “Non rivendicherei mai un’opera di intelligenza artificiale inedita come la mia arte”, afferma l’artista fantasy Merilliza Chan. “Preferirei comunque fare le mie cose e pensare all’IA solo come un assistente di pre-produzione”. Sia Chan che Nala J. Wu, un’illustratrice di TTRPG e concept artist, indicano che la generazione dell’IA aiuta a produrre miniature rapide su cui espandersi, mentre l’artista di TTRPG Leafie e l’attuale attore teatrale KP menzionano la capacità dell’arte dell’IA di creare rapidamente foto di riferimento o moodboard per guidare artisti commissionati. Altri hanno discusso della generazione di grafica AI durante le sessioni della campagna per fornire ai giocatori immagini in tempo reale di nuovi NPC, nemici e luoghi mentre vengono improvvisati.

Leggi anche |  Vampire Survivors: tutti i cheat code, guida Forbidden Scrolls of Morbane

Per i designer disposti a fare il grande passo nell’arte del regolamento del TTRPG nonostante l’etica fangosa, appoggiarsi a ciò che l’IA sa fare meglio può essere abbastanza utile. “Midjourney è stato sottoutilizzato per le sue capacità di progettazione grafica: mappe, cose del genere”, afferma il co-proprietario di Tuesday Knight Games Sean McCoy. Aggiunge che i modelli, le trame e il rumore di fondo solitamente sovrapposti alla grafica o al design del libro possono essere renderizzati tramite l’intelligenza artificiale e aiutano i nuovi editori a fare il grande passo nei TTRPG riducendo i costi di produzione di libri di regole di alta qualità. A suo avviso, i grafici dispongono già di una serie di strumenti generativi come lo strumento Content-Aware Fill di Photoshop o generatori di cloud su cui l’IA può espandersi. “Questo sembra molto più etico che, diciamo, generare un personaggio usando lo ‘stile di Nick Tofani'”.

Un’altra caratteristica dell’arte dell’IA in cui i generatori eccellono è la produzione di immagini surreali e computerizzate. Diversi progetti indipendenti di TTRPG in uscita o in crowdfunding questo autunno stanno abbracciando questa estetica: il designer Paweł Kicman P!LLS FVLL degli dei è un CYBORG zine progettata con Rytr (un sistema di scrittura AI) e Midjourney (un sistema artistico AI), e attualmente sta subendo esperimenti sulla colonna sonora con Jukebox (un sistema musicale AI), ognuno basato su stupidi problemi informatici e disumanità che sia l’IA che il tema cyberpunk Esplorare. di D’Amico La zona parla di un viaggio in una terra aliena simile all’Area X di Jeff VanderMeer o Pic-nic lungo la strada‘s Zone, quindi si è rivolto a Disco Diffusion per “visualizzare l’incomprensibile surrealismo della Zona aliena” per gran parte dell’arte, oltre a commissionare sette artisti. D’Amico ha visto il feedback positivo della community nel suo Zona immagini per settimane quest’estate, ma di recente ha ricevuto feedback contrastanti poiché il fattore novità è svanito e i cattivi attori dell’arte dell’IA sono diventati più alla ribalta. “Dato che più arte dell’IA ha invaso i social media, le persone non vedono più ‘Questo è uno strano luogo surreale.’ Stanno davvero solo vedendo “Questa è l’arte dell’IA”. Quindi ha in qualche modo minato lo scopo artistico e il meraviglioso lavoro che tutti gli artisti umani che ho incaricato hanno fatto per il gioco”. Ora, D’Amico sta valutando la possibilità di rimuovere tutta l’arte dell’IA dal gioco finalizzato e di utilizzare la sua arte dell’IA già generata come concept art o arte di base per commissioni future. “Sono stato brutalmente combattuto su questo”, dice a Polygon, frustrato dalla legalità e dalla provenienza dell’attuale arte dell’IA.

Leggi anche |  Like a Dragon: Ishin presenterà solo un doppiaggio giapponese per preservare l'autenticità

Mentre l’arte dell’IA di oggi eccelle nell’astrazione, lotta con i volti e spesso ancor di più con i volti non bianchi. Quando Wu ha inserito la propria faccia in uno strumento artistico rinascimentale AI, ha sputato indietro una versione che ha sostituito i loro occhi monolidi con occhi infossati. Anche il loro carattere TTRPG indiano è stato imbiancato, anche se hanno provato lo stesso sistema un anno dopo e hanno ottenuto risultati migliori. “Era decisamente di migliore qualità. Sembra ancora bianca”, dice Wu. “Bianco piccante… italiano.” Wu afferma che sia il mondo della tecnologia che quello dell’arte sono prevenuti nei confronti dei bianchi, dai distributori automatici che non riconoscono la pelle più scura all’abbondanza di dipinti rinascimentali di bianchi che l’IA ha estratto quando ha rimosso i loro occhi. “Ma il fatto che l’IA impari, spero che l’IA possa imparare a leggere i tratti del viso e le tonalità della pelle dei POC”, hanno detto a Polygon questa estate. Ma quando l’estate portava all’autunno, videro abbondare più problemi legali ed economici. “Sono decisamente arrabbiato per il fatto che quello che pensavo e consideravo uno strumento per gli artisti stia rapidamente diventando ostile nei nostri confronti e venga utilizzato per l’avidità aziendale e capitalista”.

KP riconosce la mancanza di rappresentazione dell’Asia meridionale nei giochi cyberpunk e sta sperimentando Midjourney per creare immagini di riferimento dei personaggi e degli ambienti dei giocatori cyberpunk dell’Asia meridionale per ispirare gli altri e mostrare quanto possano essere estesi il genere e il subcontinente. “Emette così tante diverse iterazioni, a volte cose che non ho nemmeno preso in considerazione”, dice. “Ora sono eccitato perché così posso reinserirlo e continuare a perfezionarlo”.

Un’altra preoccupazione dei generatori di intelligenza artificiale è che le loro funzionalità sono disponibili per tutti, compresi coloro che vorrebbero feticizzare identità già emarginate. Polygon ha fatto scorrere le recenti immagini di Stable Diffusion questo mese, impiegando solo 22 secondi prima di trovare un’illustrazione di intelligenza artificiale nuda, questa volta di Zendaya nei panni di una sirena. Grazie alla natura pseudonima e diffusa dei generatori di intelligenza artificiale su vari server e siti Web Discord, è quasi impossibile determinare cosa viene prodotto con le migliori intenzioni o quanti cattivi attori esistono.

È possibile un mondo in cui l’industria dei TTRPG indie cresce dall’arte dell’IA, correggendo i pregiudizi algoritmici, creando giochi espansivi e diversificati, abbassando il livello di produzione e assistendo gli artisti nel loro lavoro. Ma è lontano dall’unico punto finale possibile. Quando Joe DeSimone, istruttore di design principale presso l’Academy of Games, pensa agli endpoint naturali degli strumenti di intelligenza artificiale nei TTRPG, vede due opzioni: utopica e realistica. “Non c’è differenza tra il distopico e il realistico. È solo: capisci i fattori sociali in gioco o no? E se lo fai, è distopico”.

Nella sua visione di un futuro realistico, grandi studi o aziende potrebbero avere l’acume per gli affari, ad esempio, licenziare 50 concept artist in favore di due abili suggeritori d’arte AI per creare la stessa quantità di lavoro. Vede anche che i sistemi artistici di intelligenza artificiale stanno diventando più paywall e abbinati ai tempi di attesa. “Man mano che l’arte diventa più complicata, man mano che l’IA diventa più complicata, sarà più intensivo del processo, il che significa che meno persone saranno in grado di usarlo al meglio”, afferma. Ciò rallenterebbe l’uso indie e rafforzerebbe gli studi di gioco già affermati con il capitale per aggirare i paywall.

Leggi anche |  Apex Legends si aggiorna oggi con le note sulla patch di Prey

A perseguitare tutte le discussioni sull’IA è lo spettro della grafica originale: le immagini raschiate per insegnare al sistema come appaiono i nani e come gli obiettivi delle fotocamere si illuminano nello spazio. Chi ha il potere, o il diritto, di dire a un designer che la sua arte generata dall’IA viola il copyright? “Se la Disney ha la sensazione che tu stia derubando i personaggi Marvel o la loro grafica mescolando tre o quattro fotogrammi del loro film in una cosa e sputando fuori un nuovo supereroe, è allora che inizieremo a vedere avvisi tipo DMCA che escono dal legno che passerà attraverso i tribunali. Ma a livello di giochi di ruolo indie, ci saranno solo persone che si chiamano a vicenda”, dice McCoy. “La legislazione segue solo così, così lontano dietro la tecnologia. Non so se riuscirà mai a raggiungere questo obiettivo, o quando lo farà, il danno sarà fatto”.

Midjourney ha recentemente affermato che stava “pensando a potenziali processi per richiedere un blocco dei nomi” dopo che l’artista speculativa Karla Ortiz ha messo in dubbio le implicazioni di un sistema di intelligenza artificiale che utilizza il lavoro di Ortiz o impara a replicarlo. Polygon ha contattato Midjourney per discutere dell’arte dell’IA, ma non ha avuto notizie in tempo per la pubblicazione. Senza la decisione di un’autorità centrale, i singoli designer devono tracciare le proprie linee sulla sabbia per ciò che genereranno e utilizzeranno eticamente; l’arte nello stile di un artista di dominio pubblico potrebbe essere OK, mentre l’arte nello stile di un artista vivente che potrebbero commissionare potrebbe non esserlo.

La mancanza di risposte chiare o facili sta contribuendo alla punta dei piedi e ai richiami a cui fa riferimento McCoy. McCoy, DeSimone e altri ritengono che questa energia sia fuori luogo. “Ci combattiamo l’un l’altro invece di organizzare e combattere battaglie migliori. Lo facciamo ancora e ancora e ancora. La comunità dei giochi di ruolo [has] alcuni dei peggiori esempi di questo [infighting] Non l’ho mai visto in tutta la mia vita”, ha detto DeSimone. “L’unica cosa che ci unisce è combattere contro qualcosa. Semmai, penso che l’arte dell’IA, la scrittura dell’IA, gli NFT potrebbero fornirci l’opportunità di unirci”.

Quando i designer indipendenti si sono mobilitati contro il passaggio di Kickstarter verso la tecnologia blockchain, la società ha fatto marcia indietro e ha creato un consiglio consultivo con consulenti TTRPG indipendenti. Potrebbe essere organizzata una campagna simile per diritti di immagine più chiari, trasparenza sulla raccolta di immagini, intensità energetica e pregiudizi nei sistemi di intelligenza artificiale? Poiché le questioni artistiche stanno diventando più spinose, le soluzioni proposte da designer e artisti sono diventate più sistemiche: reddito di base universale per aiutare gli artisti il ​​cui lavoro potrebbe essere svalutato, assistenza sanitaria universale per rendere meno stressante il tempo tra le commissioni e migliori condizioni di lavoro in generale. Il gioco da tavolo riguarda la collaborazione e l’improvvisazione con i pochi fidati intorno a te: forse il design da tavolo dovrebbe essere più o meno lo stesso. “Anche con la crescita di nuove tecnologie, penso che gli sviluppatori indipendenti avranno un vantaggio perché saranno in grado di trovare artisti e risorse che le aziende più grandi trascurano”, afferma Leafie. “I TTRPG indipendenti hanno sempre idee nuove e fresche al loro tavolo.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui