Scandal! Abbattere la revisione di Wirecard: un caso di arroganza finanziaria

0
28

Questa recensione del film documentario di Netflix Skandal! Bringing Down Wirecard non contiene spoiler.

L’Unlawful Internet Gambling Act è stato approvato, rendendo illegale per le società di proprietà straniera prendere di mira gli americani sui siti Web di gioco d’azzardo. Questa sembra essere una società chiamata pane e burro di Wirecard. Oltre la metà della popolazione del poker online proveniva dagli Stati Uniti. Tuttavia, i profitti di Wirecard sono ancora aumentati anziché diminuire. Ora, a meno che questa compagnia non abbia trovato un modo per prendere di mira le popolazioni del terzo mondo senza Internet (lo hanno fatto), i monaci buddisti (non ancora) o le monache in migliaia di conventi in tutta Europa (a un certo punto), la compagnia tedesca ha alcune spiegazioni da fare . Questo è ciò che Scandal! Abbattere Wirecard è tutto in un certo senso: un castello di carte digitale moderno che crolla rapidamente.

Il regista James Erskine (Billie) disegna le connessioni tra una squadra di Financial Times giornalisti, principalmente un giornalista di nome Dan McCrum. C’erano anche esperti finanziari nelle scommesse contro il successo delle aziende in forte espansione che lo hanno aiutato a guidarlo attraverso il processo. È un labirinto di ragnatele che riciclano denaro per figure e organizzazioni losche, dimostrando le azioni fraudolente di Wirecard e i loro metodi. Ad esempio, la società tedesca esternalizzerebbe società di comodo in una piccola città in Inghilterra. Quando in seguito si sono trasferiti sul suolo degli Stati Uniti e avevano sede a New York City, hanno offerto più fronti in una piccola città della Pennsylvania, cercando sempre di tenersi le mani pulite.

Leggi anche |  Daniel Kaluuya dice che preferirebbe essere un cattivo rispetto a 007

C’è anche un po’ esilarante di etichettare le cose in modo univoco per non destare sospetti. Quando qualcuno ha pagato per p*********y, è stato etichettato come “Contenuto emotivo”. È un caso affascinante, poiché questi criminali hanno trovato crack dopo crack nel sistema (la storia di come hanno evitato l’IPO è particolarmente intrigante) e hanno utilizzato schemi complessi per nascondersi aiutando qualsiasi commerciante a trasferire denaro attraverso transazioni digitali. E semplici come carte prepagate per riciclare denaro tra criminali. È tutto semplice, elegante e fruttuoso. Accetta che non ci sono scappatoie o conti a piè di pagina che possono nascondere queste transazioni. Comunque non a lungo termine, anche se Wirecard faceva ora parte dell’indice DAX.

Il film di Erskine segue la linea di un documentario scintillante che si svolge come un thriller. Vedrai e ascolterai storie di intercettazioni telefoniche, investigatori privati, offerte di tangenti e controlli dei precedenti su questi giornalisti per tenerli a bada. Paranoico? Non proprio, dal momento che il primo articolo di McCrum ha creato abbastanza calore in cui ha ricevuto minacce di morte ed è stato responsabile della perdita di un miliardo di dollari da parte dell’azienda durante la notte. Eppure, in modo spettacolare, anche se questi giornalisti di prim’ordine continuavano a smascherare la frode che sosteneva l’azienda, a nessuno sembrava importare. Volevano solo vedere crescere i soldi. E lo ha mai fatto, raggiungendo un patrimonio netto di quasi 25 miliardi di dollari prima della sua caduta.

Vorrei che i registi si fossero fidati del loro pubblico e non li avessero condiscendenti. Ad esempio, ci viene fornita una spiegazione di più minuti sul riciclaggio di denaro. (Insegni fino a un livello massimo, non verso il basso). E mentre ammiro lo sforzo di fare qualcosa di diverso, diverse rievocazioni si sono svolte come ancora fumetti. La storia di questi giornalisti, come il film Prime Video Volo/Rischio e Seattle Times rapporti che denunciano un insabbiamento da parte di Boeing, non hanno bisogno di tattiche di destrezza. Funziona per proprio merito.

Leggi anche |  I fan stanno proponendo altri ruoli MCU per Giancarlo Esposito

Tuttavia, il modo Scandal! Abbattere Wirecard espone la gigantesca frode (i principali azionisti si presentavano come società finanziarie ma non erano altro che case familiari, eppure le grandi istituzioni finanziarie hanno continuato a investire centinaia di milioni di dollari) c’è quasi un senso comico che assume la narrazione. Dai falsi sceicchi alle società fittizie allestite nelle case familiari e Wirecard che organizza operazioni di puntura ridicole che sono state praticamente strappate dalla televisione degli anni ’80, il che evoca l’assurdità di tutto ciò. Ad ogni modo, l’arroganza di criminali e investitori guida la storia.

Anche l’ilarità di te può fare qualsiasi cosa ti venga in mente.

Cosa ne pensi del documentario di Netflix Skandal! Abbassare Wirecard? Commenta qui sotto.

Puoi guardare questo film con un abbonamento a Netflix.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui