Resta a bordo: la recensione di Leo Baker Story

0
46

Riepilogo

Un film documentario che mostra la vera storia dietro l’icona dello skater LGBTQ Leo Baker.

Il film documentario Netflix Stay on Board: The Leo Baker Story è stato rilasciato l’11 agosto 2022.

Netflix ha rilasciato il film documentario Stay on Board: The Leo Baker Story in cui seguiamo l’icona del pattinaggio Leo Baker, nota anche come Lacey Baker, mentre cercano di farsi spazio nel mondo di genere degli sport professionistici. Cercando di influenzare e costruire una cultura del pattinaggio più inclusiva, Baker fa cose che sembrano impossibili e inimmaginabili, come avere una vita divisa, dover essere due persone per la loro sanità mentale e carriera.

Il film è dei produttori esecutivi Drew Barrymore, Alex Schmider (Direttore di Transgender Representation presso GLAAD), Ember Truesdell, Marisa Clifford e Thomas Benski. Con una durata di un’ora e dodici minuti, questo film offre agli spettatori una visione sincera della vita di Baker, fino alle Olimpiadi del 2020.

La posta in gioco è alta nella sua vita con le pressioni di vivere questa straordinaria esperienza e la possibilità di andare alle Olimpiadi. La lotta non sono i salti mortali, il viaggio costante, ma il tentativo di trovare il proprio posto in un mondo di sport di genere. In filmati esclusivi, vediamo le emozioni crude e oneste di Leo, mentre combatte come vede se stesso e come lo vede il mondo.

Essere lo skateboard alle Olimpiadi per la prima volta nel 2020 è stato un enorme traguardo e un evento storico per questo sport. Qualcosa in cui le persone possono solo sognare di essere, quindi chi vorrebbe perdere l’opportunità e l’opportunità di rappresentare il proprio paese e vincere l’oro? Baker era una forza dominante nello skateboard femminile, una leggenda.

Leggi anche |  I Came By recensione - una svolta malvagia di Bonneville

Baker ammette che non può guardare filmati di se stessi tra i tredici ei diciotto anni, il che è così triste da sentire, ma ovviamente è stato un periodo emotivamente travolgente. Ammettendo apertamente che essendo trans, hanno trovato difficile adattarsi e hanno voluto farlo, questa volta nella loro vita è stata piena di alti e bassi estremi. Il marketing lo ha immediatamente etichettato come una bella ragazza per vendere il prodotto dello skateboard, incollando il suo nome di nascita Lacey Baker ovunque e chiedendo loro di indossare abiti.

Un’enfasi enorme sull’essere una pattinatrice donna, il che era scomodo, ma questa era la sua carriera, quindi in giovane età è andata d’accordo con tutto. Puoi vedere che questo ha avuto un enorme impatto mentale e fisico su Leo, e a ventisette anni al momento delle riprese, sta ancora trovando i suoi piedi.

Ci sono filmati di Baker che pattina da bambino e clip dei giorni nostri che attraversano la sua casa e vedono tutte le vecchie magliette che sua madre ha salvato da tutte le sue competizioni. Ha sentito la pressione finanziaria per vincere più competizioni: sento che ha avuto molte pressioni per tutta la sua vita, e una delle principali è essere trans, essere aperto e ancora in grado di pattinare.

Sente anche la pressione di ciò che farà alla sua relazione quando subirà un intervento chirurgico. Oltre a queste storie personali, abbiamo anche brevi interviste con i pattinatori professionisti Neen Williams, Tony Hawk, Vanessa Torres e Alex White, che discutono di trucchi, stile, la loro esperienza nello sport nel corso degli anni, e l’energia e la determinazione che Baker ha avuto e ha ancora.

Leggi anche |  LEI interpreterà Belle nello speciale del 30° anniversario della Disney "La bella e la bestia".

L’intero documentario è un viaggio alla scoperta di se stessi per un atleta trans in America, che cerca di trovare il proprio posto ed equilibrio mentre gli sport sono di genere, e per le persone trans, questa può essere un’area molto difficile in cui essere se stessi. Un occhio triste – aprendo l’orologio, spero davvero che questo aiuti e ispiri altre persone che stanno attraversando cose simili, e spero che Baker trovi pace e spazio per essere se stessi e avere tutto ciò che meritano. Baker parla di un’industria del pattinaggio queer e sono entusiasta di vedere come progredirà in futuro. Consiglio vivamente di guardare se sei un fan dei documentari sullo stile di vita, dello skateboard e/o di altri sport.

Cosa ne pensi del film documentario di Netflix Stay on Board: The Leo Baker Story? Commenta qui sotto.

Puoi guardare questo documentario con un abbonamento a Netflix.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui