Recensione di Secret Headquarters: un film di supereroi senza ispirazione

0
134

Riepilogo

Quando Charlie trova il quartier generale segreto del padre in gran parte assente sotto casa sua, scopre che Jack è in realtà un supereroe. Nonostante il fascino di Owen e Scobell, il film è noioso e derivato.

Questa recensione del film della Paramount+ Secret Headquarters non contiene spoiler.

Walker Scobell ha un anno. Sebbene né The Adam Project di Netflix né Quartier generale segreto della Paramount+ siano stati film di successo, hanno dimostrato che è il re delle storie di ragazzini con relazioni disfunzionali con i loro padri. Inoltre, è attualmente sul set per le riprese della serie di Percy Jackson in cui interpreterà il personaggio principale, un ruolo quasi garantito che lo porterà alla fama nel corso delle numerose stagioni previste della serie.

È positivo che Scobell abbia un progetto in arrivo che probabilmente avrà successo perché il quartier generale segreto di Henry Joost e Ariel Schulman di certo non lo è. Questo film di supereroi per bambini è privo di ispirazione al punto da essere noioso, facendo desiderare agli spettatori film più vecchi come Spy Kids e Shark Boy e Lava Girl la cui popolarità questo film sta chiaramente cercando di riconquistare. Scritta da Schulman, Christopher L. Yost e Josh Koenigsberg, la sceneggiatura avrebbe chiaramente potuto utilizzare qualche bozza in più.

Charlie (Scobell) sembra un ragazzo normale: sta cercando di vincere alle sue partite di baseball ed è infastidito dall’assenza di suo padre (Owen Wilson), dopo il divorzio dei suoi genitori. Sua madre (Jessie Mueller, che i fan di Broadway saranno entusiasti di vedere) insiste affinché suo padre non annulli la visita di questo fine settimana, come ha già fatto in precedenza. Jack riporta Charlie a casa sua per il fine settimana, dicendogli che presto potranno andare in campeggio come ai vecchi tempi e insistendo sul fatto che è solo stato impegnato nel suo lavoro di informatica.

Leggi anche |  Recensione di Don't Blame Karma - una commedia romantica carina e sopra la media

Tuttavia, Jack riceve una chiamata di lavoro per un’emergenza e dice a Charlie di convincere sua madre a prenderlo. Invece, Charlie invita il suo migliore amico Berger (Keith L. Williams) e le ragazze per cui hanno una cotta, Maya (Momona Tamada) e Lizzie (Abby James Witherspoon, la nipote del più famoso Witherspoon). Presto scoprono il quartier generale segreto da cui il film prende il nome sotto la casa di suo padre.

La sezione successiva del film vede i bambini giocare con i gadget dei supereroi della Guardia, che non sono fantasiosi. Jack in realtà non è affatto un tipo informatico, ma un supereroe i cui poteri derivano da una visita aliena dieci anni prima. La sua tuta tecnica, completa di proiezioni all’interno del suo casco, è una chiara fregatura di Iron Man. Questa parte dovrebbe essere divertente, ma il film non è abbastanza per abbracciare la sua premessa.

I problemi trovano i ragazzi quando il cattivo Ansel Argon (Michael Peña) si presenta al quartier generale della Guardia, intento a rubare la sua fonte di energia. Peña è ubriaco come lo è stato più volte nei film ultimamente, anche se lui e Owens hanno la possibilità di scambiarsi dei dialoghi accesi.

“Non siamo bambini, siamo giovani adulti”, insistono i giovani protagonisti a un certo punto del film. Tuttavia, sembra che i bambini siano gli unici che potrebbero apprezzare Secret Headquarters, specialmente in un momento in cui gli adulti hanno così tanti film di supereroi tra cui scegliere.

Cosa ne pensi del film della Paramount+ Secret Headquarters? Commenta qui sotto.

Puoi guardare Secret Headquarters con un abbonamento Paramount+.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui