Il famoso regista Woody Allen ha annunciato il suo imminente ritiro dopo 72 anni di produzione cinematografica?

0
13

Foto di Dimitrios Kambouris/Getty Images

Dopo più di sette decenni dietro la macchina da presa, la regalità del cinema Woody Allen è apparentemente in pensione una volta terminato il suo ultimo film, Vespa 22. Sebbene il regista 87enne abbia flirtato con l’idea in una recente intervista, sembrava lasciarsi un po’ di margine di manovra.

Parlando con il quotidiano LaVanguardia, ha detto di aver suggerito che è ora di mettere da parte la sua sedia da regista. Allen ha detto alla pubblicazione che vuole rivolgere la sua attenzione alla scrittura di un romanzo, spiegando che “l’idea, in linea di principio, non è quella di fare più film e concentrarsi sulla scrittura”.

Allen ha accennato al pensionamento per mesi. Durante un’intervista in diretta su Instagram di giugno con l’attore Alec Baldwin, il regista ha commentato che “il brivido è finito” per quanto riguarda il cinema.

“Probabilmente farò almeno un altro film”, Varietà segnalato in quel momento. “Quando facevo un film, andava in un cinema in tutto il paese. Ora fai un film e ti ritrovi un paio di settimane in un cinema. Forse sei o quattro settimane, e poi passa direttamente allo streaming o al pay-per-view… Non è la stessa cosa… Non è così divertente per me.

“Non mi diverto allo stesso modo a fare un film e metterlo in un cinema. È stata una bella sensazione sapere che 500 persone l’hanno visto una volta… non so come mi sento a fare film. Ne farò un altro e vedrò come ci si sente”.

Attualmente, Allen è in pre-produzione per il set parigino Vespa 22.

Fuori dal set, Allen è stato immerso in accuse e polemiche nel corso dei decenni. Dalla sua relazione con la figliastra adottiva, Soon-Yi Previn, che ha sposato nel 1997, alle accuse di abusi sessuali, che ha negato, l’eredità dell’acclamato regista è stata offuscata dagli scandali, nonostante abbia evitato qualsiasi giudizio legale.

Leggi anche |  Post Malone: ​​Recensione Runaway - un forte documentario musicale da non perdere

Nel corso della sua carriera, lo scrittore/regista è stato drappeggiato di riconoscimenti e lodi della critica. Ha portato a casa l’oro dell’Oscar quattro volte, vincendo il premio come miglior regista nel 1978 per Annie Hall. Ha anche vinto gli Oscar per il suo talento nella sceneggiatura, vincendo il premio per la migliore sceneggiatura originale Annie Hall, Hannah e le sue sorelle nel 1987 e più recentemente nel 2012 per Mezzanotte a Parigi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui