Gli appassionati di cinema in vacanza prenotano i mondi che vorrebbero visitare

0
9

Immagine tramite New Line Cinema

Poiché la bellezza può essere trovata nelle molte tasche della nostra vita quotidiana, il semplice fatto è che la maggior parte delle nostre ore si riduce al mondano e disordinato. Così, ogni volta che ci troviamo di fronte a un buon film, che sia dotato di romanticismo onirico, eccitazione ad ogni angolo o semplicemente un pizzico di fantastico, a volte non possiamo fare a meno di desiderare di poterne far parte tutto.

Naturalmente, c’è il classico enigma di guardare i vantaggi della location immaginaria di un film senza soppesare i pericoli in modo equo (chiunque abbia sognato di andare a Hogwarts probabilmente non ha pensato molto a Dissennatori, orchi e ragni giganti). Ma non ha fermato nessuno prima, e non fermerà nessuno adesso. Essendo stato fermamente morso dal bug della voglia di viaggiare, un gruppo di persone di r/movies sta dichiarando in quali film vorrebbero vivere.

Un utente ha immediatamente ignorato l’enigma di cui sopra e ha lanciato Il Signore degli Anelli come la loro casa del cinema dei sogni. Potrebbero aver specificato “tempi più felici” e anche se la Contea sembra idilliaca come vengono, una tale clausola è una sorta di imbroglione; non posso fare una seconda colazione senza Smaug, queste sono solo le regole.

C’era una sfilza di film anime tra le risposte, ma forse il più intrigante del gruppo è stato il live-action Corridore di velocità film. In effetti, assistere a gare stupide come queste farebbe divertire tutto intorno.

Un altro utente ha fornito una risposta rispettabile, anche se prevista, sotto forma di Star Trekl’utopia; dare o prendere un’invasione Borg che segue la strada degli invasori.

Ma un risponditore si è presentato con una ripresa del cervello della galassia che probabilmente ha cambiato il gioco per questa domanda secolare.

Siamo tutti colpevoli, per quanto piacevole sia, di fantasticare; chi non vorrebbe iniettare l’eccitazione del proprio film preferito nella propria vita, anche solo per un’ora o due? Sicuramente anche il più rigido dei negazionisti avrebbe probabilmente colto al volo l’occasione, e alla fine della giornata, forse una tale eccitazione non farebbe che aumentare l’apprezzamento che una volta ci mancava per i momenti tranquilli della vita reale.

Leggi anche |  Sam Morril: Recensione di Same Time Tomorrow

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui