Basandosi sulle basi di quella prima uscita, “Enola Holmes 2” fa un coraggioso ritorno su Netflix

0
6

Da Christopher Lee a Basil Rathbone, Sherlock Holmes è sempre stato sinonimo di ragionamento deduttivo e di cacciatori di cervi iconici. Questo è fino a Enola Holmes si unì anche a lui, scaturito dalla mente dell’autrice Nancy Springer. Quello che seguì in rapida successione fu un briciolo di talento precoce, un fenomeno Netflix e Millie Bobby Brown.

Mentre questo attore inglese ha lentamente eclissato i suoi contemporanei Cose più strane, prima i media hanno prestato attenzione e poi Hollywood. Seguirono rapidamente altre opportunità, non ultima quella del ruolo da protagonista Enola Holmes al fianco di Henry Cavill. Scritto da Jack Thorne (I miei materiali oscuri) e con Helena Bonham Carter, questa avventura avventurosa nella Londra vittoriana ha confermato il suo potere da star e un sequel era inevitabile.

Taglio al 2022 e Enola Holmes 2, che vede questa creazione carismatica al centro della scena e aprire la propria agenzia investigativa. Dove le aspettative sociali, la politica di genere e un famoso fratello maggiore hanno quasi pagato questa nuova impresa in pochi minuti. Questo fino a quando una bambina non si avvicina a Enola per rintracciare la sorella scomparsa e il gioco è in corso.

Ciò che ha fatto funzionare il primo film dipende da una serie di fattori unici. Come attrice, Millie Bobby Brown è estremamente versatile, dotata di un talento innato e ha un talento per rompere quell’importantissimo quarto muro. Invitando di nascosto il pubblico in questo mondo, crea una connessione istantanea senza sembrare sudare. Uno sguardo sottile qui, un’espressione esasperata là, e in nessun momento il pubblico viene investito.

Questa volta David Thewlis (L’uomo di sabbia) è a capo delle forze di polizia nei panni del Graal, una figura autoritaria ambigua con intenzioni nefaste. Udibile da lontano, grazie al suo caratteristico bastone da passeggio, questo pacificatore vittoriano gioca un ruolo oscuro nel procedimento dall’inizio rendendo la vita difficile a entrambi i membri del clan Holmes.

Leggi anche |  Exam 2009 Movie Explained - Qual era la domanda?

Con una trama che scorre a ritmo sostenuto e Millie Bobby Brown in forma solida, semplicemente non c’è niente di cui non divertirsi Enola Holmes 2. Nei panni dell’ex fratello Sherlock, Henry Cavill adempie alle sue responsabilità di tag team, infondendo nella loro relazione un’atmosfera distintiva da fratello maggiore. O immergendosi da un pub quattro fogli al vento o deducendo indizi cruciali insieme a Enola, questa coppia carismatica segna due pacchetti di divertimento.

Fare clic per ingrandire

Tuttavia, ci sono alcune lamentele che derivano da una trama che si muove a velocità supersonica, incentrata quasi esclusivamente sulla sua coraggiosa eroina. I giocatori minori che potrebbero aver ottenuto un ruolo più importante l’ultima volta, trovano i loro contributi diminuiti per motivi di brevità. Le vittime includono Louis Partridge nei panni di Lord Tewkesbury, che potrebbe fungere da interesse amoroso di Enola, ma raramente riesce a uscire oltre quei confini.

Altrove, c’è la questione di Helena Bonham Carter nei panni dell’anarchica inventiva Eudoria Holmes, a cui vengono concessi solo pochi fugaci momenti di tempo sullo schermo. Che sia intenzionale o dovuto a conflitti di programmazione, il suo coinvolgimento sembra un ripensamento piuttosto che una scelta creativa dall’alto verso il basso. D’altra parte, quello che Bonham Carter riesce a fare è espandere il legame materno che ha stabilito nel primo film, oltre ad aggiungere alcune solide interpretazioni altrove.

Oltre a questo, Enola Holmes 2 porta tutto in tavola che l’ha fatto funzionare l’ultima volta. Alcuni raffinati design di produzione di Michael Carlin (Il mauritano) dà vita a una vibrante Londra vittoriana, mentre il regista vincitore di un Emmy Harry Bradbeer (Sacco di pulci) offre un certo grado di sicurezza dietro la fotocamera. Combina questo con Jack Thorne che torna ai compiti di adattamento, dando forma a una storia poco impegnativa ma avvincente dal materiale originale di Nancy Springer e il pubblico è sicuramente un vincitore.

Leggi anche |  I fan del cinema nominano gli adattamenti cinematografici migliori del libro

Con il potere da star di Millie Bobby Brown confermato e un terzo ingresso in questo franchise guidato da donne una certezza, Enola Holmes sta diventando una forza da non sottovalutare. Offre un nuovo tipo di eroe alla generazione dello streaming, desiderosa di modelli di ruolo che eccellono nell’essere pieni di risorse contro ogni previsione, rendendo così questo sequel molto più di eroine coraggiose, figure autoritarie nefaste e icone letterarie.

Sotto le battute fini, l’equilibrio e il quarto muro, c’è qualcosa di rassicurante in ciò che questa storia vittoriana ha da dire sulla narrazione. Sia che i registi stiano affrontando le prove e le tribolazioni del 221b di Baker Street, sia che stiano affrontando qualcosa di più vicino alla realtà con uno sguardo drammatico sulle amicizie fratturate in Le Banshee di Inisherinil cinema ha ancora molto da dire.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui