Amy Adams ci accompagna in un viaggio magico

0
6

Abbiamo avuto un anno incredibile per i sequel legacy, e continua questo fine settimana con l’uscita del sequel del film del 2007 Incantato in streaming su Disney+, Disincantato. Il film è all’altezza dell’originale? Di seguito condivido la mia recensione del film e un’intervista con una delle star del film Ingrid Werner.

Disincantato è ambientato quindici anni dopo per sempre felici e contenti, e Giselle inizia a mettere in discussione la sua felicità che capovolge le vite intorno a lei. Adam Shankman dirige il film, con Amy Adams, Patrick Dempsey e James Marsden che riprendono i loro ruoli. Nel cast anche Maya Rudolph e Ingrid Werner.

Il film inizia con un po’ di retroscena su ciò che è accaduto negli ultimi quindici anni dal lieto fine del film originale. Tuttavia, sentiamo dire che “felici e contenti” non era ciò a cui era all’altezza. Giselle e Robert hanno avuto un bambino, cosa che ha cambiato per sempre le loro vite. Tuttavia, quando Morgan (il loro bambino) ha iniziato a crescere e diventare un “adolescente”, Giselle un giorno ha visto un segno che le ha fatto capire che forse dove si trovavano non era il loro lieto fine, dopo tutto.

Quindi la famiglia si dirige a Monroeville, dove Giselle pensa che la famiglia possa ritrovare il suo fascino. Quando entrano in città, parte della periferia (nessuna periferia che abbia mai visto) ricorda a Giselle la sua infanzia. Alla fine arrivano al loro castello, dove la casa in cui si stanno trasferendo non è nemmeno lontanamente completa. Morgan è sconcertato dal posto, come lo sarebbe qualsiasi adolescente se siamo onesti. Ma sua madre la rassicura che questo posto sarà meraviglioso.

Leggi anche |  La data e l'ora di uscita dell'episodio 6 di Ms. Marvel sono state confermate su Disney Plus

Amy Adams brilla in Disenchanted anche con gli elementi della trama ordinaria

L’intero film ha questa battaglia tra Giselle e Morgan, con quest’ultimo non contento di aver lasciato New York per Monroeville. I ritmi emotivi tendono ad essere gli stessi di questi tipi di film che li mettono in risalto andando avanti e indietro, il che vede una conclusione Disney definitiva. Non è una brutta cosa, ma quel tipo di trame è normale e toglie il potenziale complessivo.

Ovviamente, il motivo principale per guardare Disincantato è la nostra stella splendente in alto, Amy Adams. Nessuno, e intendo nessuno, irradia l’energia che fa Adams sul grande schermo. È un raggio di sole che illumina lo schermo per farti coinvolgere anche in una storia che abbiamo già visto. Adoro il suo lavoro e quello che porta in tavola. Inoltre, la sua chimica con Patrick Dempsey (che non invecchia) è una delizia sullo schermo.

Parlando di Dempsey, è stato fantastico sentire la co-protagonista Ingrid Werner parlare di quanto fosse cortese e simpatico sul set quando lavorava con lui. Nella mia intervista con Werner, puoi sentirne parlare, il processo di audizione e com’è stato lavorare a un film di quella natura. Ascolta qui.

Un altro straordinario è stata la malvagia interpretazione di Maya Rudolph nel ruolo di Malvina. Stava recitando perfettamente al fianco di Adams, e il suo sarcasmo, l’arguzia e le deliziose battute si sono divertiti moltissimo. Il resto dell’ensemble, da Idina Menzel, Gabriella Baldacchino e Ingrid Werner, recitano tutti la loro parte nel rendere divertente questo film. Inoltre, adoro i costumi e le scenografie. Il team merita un’enorme pacca sulla spalla per aver fatto sentire gli spettatori come se fossero parte di questo mondo.

Leggi anche |  Data di uscita, cast, trailer e altro di Disney's Disenchanted

Complessivamente, Disincantato potrebbe avere alcuni pezzi ridondanti, ma mi sono ritrovato a godermi il cast abbastanza da renderlo degno di essere visto. Dico di entrare nel film con aspettative moderate e puoi divertirti. Inoltre, penso che i bambini mangeranno questo.

Disincantato è ora in streaming su Disney+.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui