Cosa ci insegnano le sorelle cattive di Sharon Horgan sull’abuso emotivo

0
19

Sorelle cattive, che ha debuttato lo scorso agosto, si è rivelata la commedia oscura più potente di Apple TV. Creato da un’attrice, regista e produttrice irlandese di talento Sharon Horgan (Catastrofe; Su questa via), racconta la storia di cinque sorelle stravaganti, giovani orfane che vivono vicine sulla splendida costa irlandese. Ma i fratelli — Eva Garvey (Horgan), Grace Williams (Anne-Marie Duff), Ursula Flynn (Eva Birthistle), Bibi Garvey (Sarah Greene), e Becka Garvey (Eva Hewson) — trovano la loro felicità adulta oscurata dall’opprimente John Paul Williams (Claes Bang), il marito discretamente crudele e prepotente di Grace. La serie approfondisce il suo abuso emotivo di lunga data, che, a sua volta, diventa il catalizzatore per le quattro sorelle di Grace per escogitare vari schemi stravaganti per “aiutare la natura” e portare alla morte del cognato di mezza età.

VIDEO DEL COLLIDER DEL GIORNO

Anche se questi sforzi si svolgono con grande effetto comico, c’è qualcosa di veramente sinistro e disperato sotto la superficie mordentemente divertente e vivace della famiglia Garvey. Mentre John Paul sminuisce Grace impedendole di vedere i suoi fratelli, criticando le sue capacità genitoriali, proibendole di uscire da sola e rifilando le sue opinioni puritane e pro-vita alla loro dolce figlia adolescente, così cerca anche di controllare la vita delle sorelle di sua moglie. Minacciando di mettere a nudo i loro segreti e le loro vulnerabilità più dolorose – deridendo, ad esempio, l’infertilità di Eva e il tentativo di ottenere una promozione al lavoro; minacciando di rivelare l’impulsiva relazione extraconiugale di Ursula; e assicurandosi che un affare immobiliare ancora invisibile intrapreso da Becka fallisca – mantiene la sua presa come una morsa sulla famiglia nel suo insieme.

Leggi anche |  I fan di Ted Lasso reagiscono mentre Roy Kent interpreta Hercules in Thor: Love and Thunder

Abusi contro non solo sua moglie, ma anche le sue sorelle

sorelle cattive Immagine tramite Apple TV+

Queste crudeli tattiche di ricatto coinvolgono le sue cognate nell’abuso di Grace, anche se indirettamente, perché temono che agire contro Giovanni Paolo comporterà un ulteriore isolamento della loro amata sorella dalla famiglia. Questa silenziosa campagna di terrore significa anche che le manipolazioni di Giovanni Paolo sono difficili da individuare, poiché Grace, sebbene chiaramente soffra per anni di illuminazione a gas – nel vero senso della parola – non porta segni visibili di tumulto coniugale. Con il comportamento di suo marito che assume la forma di un controllo tranquillo piuttosto che di un abuso fisico, è intrappolata, riluttante e incapace di parlare dell’entità della crudeltà mentale del suo partner nel loro matrimonio. Sorelle cattive offre quindi un’esplorazione rinfrescante e onesta di quanto possa essere insidioso questo tipo di manipolazione emotiva nelle relazioni romantiche di lunga data. Le vittime di un simile comportamento, per quanto intimidite, possono sentirsi sopraffatte e terrorizzate dagli enormi costi personali di opporsi ai loro partner – che, come Giovanni Paolo, potrebbero intrappolare sottilmente gli altri nei loro piani per mantenere il controllo assoluto. Molti, come Grace, sono costretti a normalizzare tali azioni per prevenire ulteriore caos.

RELAZIONATO: L’omicidio corre nella famiglia di Sharon Horgan nel trailer di “Sorelle cattive”.

Un punto di rottura

sorelle-cattive-3 Immagine tramite Apple TV+

Qual è, allora, il punto di rottura che consente alle sorelle Garvey di considerare l’impossibile – uccidere John Paul, che trasuda potere in ogni stanza in cui entra – possibile? Sulla base degli episodi che sono andati in onda, è la prospettiva della rovina personale e dell’umiliazione, oltre agli sforzi riusciti del cognato per controllare la sorella, che motiva il loro comportamento sempre più irregolare.

Leggi anche |  Bottino Stagione 2 Rinnovato su Apple TV+

In definitiva, Sorelle cattive è uno spettacolo su fino a che punto si spingeranno gli abusatori come Giovanni Paolo per mantenere il potere. Quello che non riesce a capire, però, è la forza delle convinzioni di Eva, Ursula, Bibi e Becka. Sebbene i loro sforzi per porre fine alla vita del cognato siano ben al di fuori del regno del comportamento normale, è la loro disperazione e l’amore per la sorella Grace, che rendono convincenti i loro improbabili piani.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui