Perché il Mars Rover si chiama Oppy e quali sono state le sue ultime parole?

0
2

Perché il Mars Rover è conosciuto come Oppy nel nuovo documentario e quali sono state le sue ultime parole nella trasmissione finale della NASA?

I documentari sullo spazio o sui vari programmi di esplorazione spaziale sono intuitivamente affascinanti per quasi tutti coloro che hanno passato del tempo a guardare le stelle.

Oggi, 23 novembre, Amazon Prime ha pubblicato il suo ultimo documentario spaziale, Good Night Oppy; che si concentra sulla straordinaria missione Mars Exploration.

Sebbene la trasmissione finale di “Oppy” sia stata molto pubblicizzata, purtroppo non sono state le ultime parole della macchina high-tech; quindi, cosa rappresenta Oppy e cosa è successo con le sue ultime parole che sono state rimandate sulla Terra?

Perché il Mars Rover è noto come Oppy?

Il Mars Rover è noto come Oppy, come intitolato nel nuovo documentario, poiché è l’abbreviazione di “Opportunity”.

Il Rover è anche conosciuto come MER-B o MER-1, che sta per Mars Exploration Rover – B e Mars Exploration Rover 1.

Opportunity è stato nominato da un bambino di 9 anni chiamato Sofi Collins, che ha vinto il popolare concorso di denominazione che la NASA ha tenuto insieme alla Planetary Society; il concorso è stato sponsorizzato anche da Lego. La Collis, nata in Siberia, è stata adottata e si è trasferita con la sua nuova famiglia a Scottsdale, in Arizona, all’età di due anni.

“Vivevo in un orfanotrofio. Era buio, freddo e solitario. Di notte, ho guardato il cielo scintillante e mi sono sentito meglio. Ho sognato di poter volare lì. In America, posso realizzare tutti i miei sogni. Grazie per lo ‘Spirito’ e l’ ‘Opportunità.’” – Sofia Collins, tramite Space.com.

La missione dell’Opportunity Mars Rover era stata pianificata per 90 sol (92,5 giorni terrestri), ma è riuscita a sopravvivere a 5.352 sol (8 anni Marte) o 5.498 giorni terrestri grazie all’ingegnoso design dei pannelli solari ricaricabili e alla capacità di ibernarsi durante intense tempeste di polvere.

Secondo la NASA, alla fine della sua missione, Opportunity aveva percorso una distanza celeste di 45,16 chilometri o 28,06 miglia.

Quali sono state le ultime parole dell’Oppy Mars Rover?

Quando la fine del ciclo di vita di Opportunity è stata dichiarata ufficialmente nel febbraio 2019, è stato ampiamente riportato che le ultime parole dell’Opportunity Mars Exploration Rover sono state “La mia batteria è scarica e si sta facendo buio”.

Nonostante il messaggio sia diventato virale in tutto il mondo, si scopre che queste parole specifiche non sono mai state inviate da Opportunity; i robot purtroppo non sono così poetici nella vita reale.

È stato il thread Twitter del giornalista Jacob Margolis sulla scomparsa di Opportunity a diventare virale, ma Margolis avrebbe chiarito il messaggio in un articolo su LAist, spiegando come la trasmissione finale sia stata estrapolata dal contesto dai notiziari.

“L’ultimo messaggio che hanno ricevuto è stato fondamentalmente:” La mia batteria è scarica e si sta facendo buio. Speravano che la stagione ventosa avrebbe ripulito la polvere dai pannelli solari (se quello era il problema). Da allora l’hanno chiamata ancora e ancora, in tutti i modi che conoscevano…” – Jacob Margolis, via Twitter.

La frase “La mia batteria è scarica e si sta facendo buio” era in realtà una traduzione poetica di ciò che due scienziati della NASA della Mars Exploration Rover Mission avevano detto a Margolis.

“Giovedì sapevamo che era brutto. E poi venerdì, sapevamo che era davvero brutto, ma non potevamo fare altro che guardare. E poi è stata domenica, abbiamo effettivamente ricevuto una comunicazione dal rover e siamo rimasti scioccati. Fondamentalmente diceva che non avevamo più energia, e quella fu l’ultima volta che ne sentimmo parlare. – Il vice scienziato del progetto Abigail Fraeman, come riportato da Jacob Margolis, tramite LAist.

Margolis ha poi condiviso come John Callas, Project Manager delle missioni, ha dichiarato: “Ci ha anche detto che i cieli erano incredibilmente bui, al punto da non far passare la luce del sole. È notte durante il giorno.

“Speravamo che il rover potesse guidarlo. Che il rover si sarebbe accovacciato e poi, quando la tempesta si fosse diradata, il rover sarebbe tornato alla carica. Non è successo. Almeno non ci ha detto che è successo. Quindi, non lo sappiamo. – Project Manager John Callas, come riportato da Jacob Margolis, tramite LAist.

Quindi, mentre il presunto messaggio finale di “La mia batteria è scarica e si sta facendo buio” potrebbe non essere corretto al 100%, le ultime trasmissioni di Opportunity sono ancora toccanti oggi come lo erano nel 2019.

È interessante notare che ci sono stati cinque Mars Rover ufficiali, chiamati Sojourner (sbarcato nel 1997), Spirit (2004), Opportunity (2004), Curiosity (2012) e Perseverance (2021).

Il sito web della NASA Space Place spiega come ci sono “Diversi tipi diversi di veicoli spaziali [that] sono stati inviati sul Pianeta Rosso nel corso degli anni e hanno tutti specialità diverse”.

Questi includono gli Orbiter, che orbitano attorno a Marte mentre scattano foto del pianeta, i Lander che inviano informazioni dai loro punti di atterraggio su Marte e i Rover, che vagano sulla superficie del pianeta.

“I rover hanno le ruote e sono specializzati nel muoversi. Atterrano sulla superficie di Marte e si spostano in punti diversi. I rover aiutano gli scienziati nella loro ricerca per capire di cosa sono fatte le diverse parti del pianeta. Marte è composto da molti tipi diversi di rocce e ogni roccia è composta da una miscela di sostanze chimiche. Un rover può guidare in aree diverse, studiando le diverse sostanze chimiche in ogni roccia. Queste sostanze chimiche possono dire agli scienziati qualcosa sugli ambienti che hanno cambiato quella roccia nel tempo». – Mars Rovers, tramite Space Place NASA.

Di Tom Llewellyn – [email protected]

Mostra tutto

In altre notizie, a che ora esce mercoledì su Netflix? Rilascio confermato

Leggi anche |  Qual è la canzone nell'episodio 8 di The Rings of Power?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui